giovedì 31 maggio 2012

Nidi di patate e taccole

Le taccole  sono un prezioso alleato per la nostra salute grazie al loro contenuto di caroteni, fibre, vitamina C, vitamina B9 e discrete quantità di ferro. Di colore verde chiaro, di forma larga e appiattita, sono una varietà di piselli non molto conosciuta e spesso scambiati per una variante dei fagiolini. In realtà sono dei piselli che si mangiano con l’intero baccello, in quanto la membrana posta all’interno delle pareti è sottilissima. E’ proprio questo il motivo per cui è maggiore la loro efficacia e l’effetto rimineralizzante. Grazie alle fibre di sui sono ricche il loro consumo è consigliato a chi ha bisogno di regolare l’intestino, quindi per chi ha problemi di stitichezza e gonfiori addominali.
Altra ricetta   Taccole saporite 



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone.

2 patate grandi a pasta gialla
300 gr di taccole
3 uova
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
1 cucchiai di erbette di Provenza
50 gr. di burro
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale e pepe q.b.

Procedimento

Spuntate, lavate le taccole, tuffatele in acqua bollente salata e fatele cuocere per circa 8/10 minuti dalla ripresa del bollore. Scolatele.
Scaldate il forno a 200°
Imburrate 6 stampini per crostatine da 8 cm di diametro.
Mettete un uovo in una ciotolina, unite 1 cucchiaio di olio, sale e pepe e sbattete bene.
Sbucciate le patate, lavatele, asciugatele bene, tagliatele a fettine sottilissime e mettetele in una ciotola. Versateci sopra l’uovo sbattuto.

Foderate l’interno degli stampini con le patate sovrapponendole leggermente e coprendo con esse tutto l’interno degli stampini, orlo compreso, versate sul fondo l’eventuale uovo rimasto.
Infornateli per circa 10 minuti e, quando le patate saranno ben dorate e saldate tra loro, toglieteli dal forno e lasciateli raffreddare completamente negli stampini.

Nel frattempo tagliate le taccole in pezzi e ripassatele in padella con il burro rimasto.
Rompete le uova in una ciotola, unitevi le erbette di Provenza, salate, pepate e sbattetele.
In una padella mettete l’olio rimasto e cuocete la frittata.
Togliete delicatamente i nidi di uova dagli stampini, mettete della carta da forno su una teglia.
Riempite i nidi con le taccole, tagliate 6 cerchi di frittata e distribuiteli sulle taccole, spolverizzate con il parmigiano e infornate ancora per 3 minuti.
Buon appetito!



martedì 29 maggio 2012

Dolcetti di marzapane e cioccolato

 
Il marzapane è un prodotto dolciario molto famoso costituito da pasta di mandorle, zucchero ed albume d'uovo.
Prodotto tipico della Sicilia, della Puglia, della Toscana e della Liguria, soprattutto nella provincia di Genova, è stato riconosciuto quale
Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano.
La versione siciliana del marzapane è detta
Frutta di Martorana, ed è facilmente riconoscibile per le sue particolari forme, frutti perfetti e coloratissimi dall'aspetto invitante. Questi prodotti  sono nati dall'idea delle suore della chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio, detta Martorana, che, per decorare il loro convento per la visita del Papa decisero di creare dei dolcetti a forma di frutta con della pasta fatta di mandorle e zucchero, le creazioni vennero tanto apprezzate che si continuò a dare sfogo alla fantasia e a specializzarsi nella loro produzione.
 La pasta di marzapane deve  essere liscia e dunque sprovvista di irregolarità per poter ottenere  un preparato perfettamente riuscito.
E' possibile, per esempio, riprendere le fattezze di ogni frutto per dare vita con la pasta di marzapane a piccoli dolcetti prelibati con cui allietare il nostro palato; il marzapane può altresì completare una decorazione o rendere ancora più ricco un cestino di prodotti dolciari.
La pasta di marzapane può essere colorata per ottenere specifiche preparazioni (come per l'appunto quelle che rimandano alla frutta) oppure aromatizzata a seconda delle esigenze. Ecco, dunque, che con il marzapane si creano dolcetti dalle forme divertenti e particolari, o semplici come queste che vi propongo.

Ingredienti per circa 30 dolcetti:

125 gr di marzapane (pasta di mandorle)
30 gr. di scaglie di mandorle
1 cucchiaio di gocce di cioccolato
50 gr di cioccolato fondente
50 gr di cioccolato bianco
2 cucchiai di zucchero a velo

Con un mattarello stendete la pasta di mandorle fino  a ridurla a mezzo cm di spessore.

Tagliate delle strisce e ricavate dei quadratini.

Inserite in ogni quadratino un po' di scaglie di mandorle e 4 gocce di cioccolato. Chiudetelo formando una sorta di piccolo cono o una pallina, passatelo nello zucchero a velo.
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria o, se lo possedete, nel microonde.
Tuffate metà dei dolcetti nel cioccolato nero e metà nel cioccolato bianco, toglieteli  aiutandovi con un cucchiaino e uno stecchino, metteteli su della carta da forno posta su di un vassoio  e poneteli in freezer per 15 minuti.
Toglieteli dal freezer, eliminate il cioccolato in eccesso colato sul fondo 


e disponete i dolcetti nelle apposite cartine.
Si conservano per parecchi giorni, ma di solito il problema non sussiste perché uno tira l'altro, proprio come le ciliegie!


lunedì 28 maggio 2012

Fusilli con gamberi, zucchine e pesto


I gamberi sono dei crostacei molti ricchi di proteine e poveri di grassi e zuccheri. Per questo motivo sono adatti alle diete ipocaloriche. Ovviamente  serviti con condimenti leggeri e non fritti.

Ingredienti per 4 persone:

350 gr. di fusilli
4 zucchine
350 gr. di code di gambero
½ bicchiere di vino bianco
5 cucchiai di pesto
sale q.b.

Procedimento
Lavate velocemente le code di gambero e mettetele a bollire per 3 minuti in una pentola con un po’ di sale.
Scolateli ma non gettate il brodo di pesce. Togliete i gusci e il budellino nero. Metteteli da parte.
Lavate le zucchine, tagliatele a rondelle e mettetele in una padella con l’olio. Fatele rosolare per qualche minuto.
Aggiungete le code di gambero, lasciate rosolare per 1 minuto e unite il bicchiere di vino.
Fatelo evaporare a fuoco vivo per 1 minuto e aggiungete mezzo bicchiere del brodo di pesce tenuto da parte, aggiustate di sale e fate cuocere per altri 5 minuti.
Fate cuocere i fusilli in abbondante acqua salata, scolateli  al dente e fateli saltare per 1 minuto nella padella con i gamberi e le zucchine. Unite il pesto, rigirate bene e servite.
E…buon appetito!


Friggitelli a modo mio



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI
 

Ingredienti per 4 persone:

800 gr di peperoncini friggitelli
40 gr di filetti d’acciughe sott’olio
1 spicchio d’aglio
10 rametti di prezzemolo
Procedimento

Lavate bene i peperoncini, togliete la calottina, incidete un lato ed estraete i semi.
Lavate il prezzemolo e tritate le foglie.
Mettete 4 cucchiai di olio in una casseruola e unite lo spicchio d’aglio e i peperoncini.
Fate friggere per 6/7 minuti a fuoco medio, quando saranno ben rosolati abbassate la fiamma al minimo e unite le acciughe, fatele sciogliere dolcemente, unite mezzo bicchiere d’acqua calda, lasciate amalgamare bene tutto per altri 5 minuti (sempre a fuoco basso). Distribuite il prezzemolo e servite.

Buon appetito!


martedì 22 maggio 2012

Cipolline caramellate

La cipolla (Allium cepa) è il bulbo di una pianta erbacea biennale o triennale, appartenente alla famiglia delle Liliaceae, originaria dell’Asia occidentale (ancora ai nostri giorni si trovano esemplari selvatici sui monti dell'Afghanistan, del Turkestan e dell'Iran), apprezzata da Romani, Egizi e Greci. Ricca di sali minerali e vitamine  e’ sicuramente la pianta da orto più diffusa in Italia sia per le sue qualità organolettiche che per  lo svariato uso che se fa in cucina.
La cipolla contiene molta vitamina C, che rafforza il sistema immunitario e aiuta nelle sindromi influenzali e nel rafforzare i capillari. Contiene principi antibiotici naturali, e sostanze diuretiche. Assunta cruda, la cipolla stimola la secrezione dei succhi gastrici e biliari, favorendo, così, la digestione: inoltre contribuisce ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue e a ridurre la pressione arteriosa.
E ‘ usata in cucina come base per soffritti, battuti, cotta al forno, in agrodolce e cruda nelle insalate. Non tutte le cipolle però vanno bene per qualsiasi preparazione: quelle rosse di Tropea più dolci, sono adatte per le insalate e per essere mangiate crude, mentre quelle bianche sono più indicate per essere cotte. In particolare queste utilizzate per la ricetta possono essere consumate sia come antipasto che come contorno a carni rosse o di maiale.
 


LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.


Ingredienti per 4 persone:

500 gr di cipolline  le borettane 
1 bicchiere di vino bianco dolce (Moscato, Vernaccia ecc..)
½ bicchiere di aceto
1 cucchiaio di zucchero
4 chiodi di garofano
5 bacche di ginepro
sale q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento

Pelate le cipolline (o compratele già pulite), lavatele e scolatele.
In una casseruola mettete 4 cucchiai d’olio, le cipolline  e fatele dorare a fuoco medio per 5 minuti.
Versate il vino, unite l’aceto, lo zucchero, i chiodi di garofano e le bacche di ginepro leggermente schiacciate, aggiustate di sale.
Fate cuocere per una decina di minuti a fuoco basso, si deve formare  una sorta di glassa.
Se trascorsi i dieci minuti fosse ancora troppo liquida, alzate la fiamma del gas e fate restringere il sugo.



























































































































Cannelloni di ricotta di bufala,rape rosse e speck


La barbabietola rossa, detta anche rapa rossa, ha origini antichissime. Il suo consumo, infatti,  è menzionato già nel 420 a.C. in alcuni scritti greci. Questo gustoso ortaggio è ricco di preziose proprietà nutritive, tuttavia, se ne sconsiglia il consumo a chi soffre i calcoli renali, diabete, acidità di stomaco.





Ingredienti per 4 persone:

250 gr di lasagne fresche
200 gr di patate ( corrispondono circa a 2 patate medie)
250gr. di rape rosse cotte a vapore (le trovate in tutti i supermercati)
225 gr. di ricotta di bufala
150 gr. di speck in una sola fetta
1 cucchiaio di senape forte
100 gr. di Parmigiano Reggiano
Burro q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Fate bollire le patate per 35 minuti, scolatele e lasciatele raffreddare.
Tagliate a cubetti piccolissimi le patate, le rape rosse e lo speck e mettete tutto in una capiente ciotola, salate, unite la ricotta, la senape, 6 cucchiai di besciamella e 4 cucchiai d’olio. Mischiate molto bene.
Sbollentate per 1 minuto le lasagne ( due per volta al massimo) in acqua salata bollente, (per evitare che si attacchino aggiungete un cucchiaio d’olio all’acqua), scolatele, mettetele su di un canovaccio ricavate dei quadrati circa 10 cm per lato. Riempite i quadrati  di pasta  con la farcia


 arrotolateli per formare i cannelloni.


Ungete una pirofila con un po’ di burro, distribuite un po’ di besciamella sul fondo ed adagiatevi sopra i cannelloni.
Copriteli interamente con la besciamella rimasta, spolverizzate con il parmigiano ed infornate a 180° per 30 minuti.


Buon appetito!





lunedì 21 maggio 2012

Quiche di erbette e pasta di pane


Con questa ricetta ho voluto rivisitare la classica quiche rendendola più leggera. Ho sostituito la panna con la ricotta, la pasta sfoglia con la pasta di pane e le uova di gallina con quelle più delicate di quaglia. A me è piaciuta, provatela e poi ditemi se anche voi la pensate così.


Ingredienti per 6 persone:

Per la pasta:
250gr. di farina di farina tipo “O”
10 gr. di lievito di birra
1,5 dl di acqua
½ cucchiaino  di sale
un pizzico di zucchero

Per il ripieno:
800 gr. di erbette (bietoline)
200 gr. di prosciutto cotto in una sola fetta
150 gr. di fontina
1 carota  piccola
1 cipolla piccola
1 gambo di sedano
250 gr. di ricotta
4 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
15 uova di quaglia (o se non le trovate 3 uova di gallina)
3 cucchiai di latte.
Sale q.b.

Procedimento
Mettete il lievito sbriciolato in un recipiente. Aggiungete metà dell’acqua  necessaria, tiepida, lo zucchero e poi mescolate bene  per sciogliere il tutto.
Lasciate riposare per 10 minuti.
Nel frattempo setacciate in un recipiente la farina con il sale. Formate una fontana al centro e versatevi il lievito con l’acqua restante.
Mescolate il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una palla di pasta.
Spolverizzate con la farina la spianatoia, posatevi la palla di pasta poi appiattatela con le mani stendendola leggermente.
Ripiegate i bordi opposti uno sopra l’altro poi appiattiteli nuovamente con le mani. Ripetete l’operazione più volte ( per circa 10 minuti) facendo girare la pasta sulla spianatoia .
Quando la pasta sarà diventata elastica e liscia, ricopritela con un panno pulito e umido, al riparo dalle correnti d’aria e dal freddo (l’ideale è porla nel forno spento) e lasciatela lievitare per 30 minuti.
Rimettete la pasta lievitata  sulla spianatoia infarinata, impastatela tirando in tutti i sensi allo scopo di aerarla per 5 minuti.
Confezionate una palla  girandola tra le mani infarinate, ricopritela nuovamente con un telo e lasciatela lievitare per 1 ora.
Se non avete tempo o voglia di farvi la pasta di pane, potete sempre acquistarla già pronta.
Nel frattempo lavate le erbette, cuocetele in pochissima acqua salata, strizzatele e tagliatele grossolanamente .
Tagliate la carota, la cipolla e il sedano a piccoli dadini e metteteli a soffriggere con un po’ olio in una padella. Quando saranno dorati aggiungete le erbette  e fate insaporire ed asciugare il liquido in eccesso.
Lasciate intiepidire e aggiungete il prosciutto cotto, la fontina tagliati a dadini, due cucchiai di parmigiano e aggiustate di sale.  Mescolate bene.

Stendete la pasta di pane, ricavatene un disco di circa mezzo cm. di spessore e ponetelo in una pirofila. Versate il composto di erbette, prosciutto, fontina  e livellatelo.
Sbattete le uova, unite la ricotta setacciata e amalgamate bene. Versate il tutto sopra il composto.

Distribuite il parmigiano e richiudete i lembi della pasta.


 Distribuite il restante parmigiano e infornate in forno già caldo (180°) per 40 minuti.
E…..Buon appetito!

Questa ricetta è stata pubblicata sul mensile SLIDE ITALIA numero di giugno 2012

martedì 15 maggio 2012

Merluzzo alla marinara

Il merluzzo è un pesce povero di grassi e ricco di minerali quali fosforo, iodio, ferro e calcio.  Le sue carni subiscono vari metodi di conservazione e lavorazione e in base ad essi modifica il suo nome. Il pesce intero, privato della testa ed essiccato, prende il nome di stoccafisso, mentre i filetti sotto sale prendono il nome di baccalà. Dal suo fegato si ottiene un olio ricostituente ricchissimo di vitamine e acidi grassi omega tre.




LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:

600 gr. di filetto di merluzzo
10 pomodori perini maturi
10 olive nere taggiasche
1 cucchiaio di capperi sotto sale
1 spicchio d’aglio
4 acciughe sotto sale
Qualche rametto di timo
1 cucchiaio di origano
Peperoncino q.b.
Sale q.b.


Procedimento

Tagliate il filetto di merluzzo, lavate, pelate, private dei semi  e riducete a dadini i pomodori.
Lavate e dissalate bene  le acciughe e i capperi.
Mettete lo spicchio d’aglio in un tegame con 4 cucchiai di olio e fate dorare per qualche minuto, aggiungete le acciughe e fatele sciogliere dolcemente (non devono assolutamente friggere o annerirsi).
Aggiungete i pomodori, il sale,  i capperi, il timo, il peperoncino e il merluzzo. Dopo 10 minuti aggiungete le olive, l’origano e fate cuocere ancora per 5 minuti. 

Buon appetito!


lunedì 14 maggio 2012

Insalata di patate, rape rosse e speck


 Le rape rosse vengono anche chiamate barbe rosse, carote rosse o barbabietole rosse a seconda del dialetto regionale.
Appartengono alla stessa famiglia delle barbabietole da zucchero, sono ricche di fibre ed hanno un sapore leggermente dolciastro.
Contengono molte preziose sostanze che facilitano la digestione, il funzionamento del fegato e l’abbassamento del colesterolo. E' ricca di sali minerali, in particolare magnesio, fosforo, calcio, potassio e ferro, che si rivelano molto utili sia per gli amanti dello sport. L'uso è molto indicato a chi soffre di anemia perché la presenza nella sua polpa di particolari sostanze chiamate antocianosidi (responsabili del colore)  hanno la capacità di aumentare la vitalità dei globuli rossi.
Il suo ricco contenuto di tannini ed altri elementi è particolarmente efficace sugli organi interni come intestino, pancreas, fegato e bile, permettendo il buon funzionamento di questi organi con l'eliminazione di eventuali grassi in eccesso.


Ingredienti per 4 persone

240 gr. di patate (circa 3 patate medie)
250 gr. di rape rosse cotte a vapore
150 gr. di speck in una sola fetta
1 cucchiaio di senape forte
5 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di aceto balsamico
sale q.b.

Lavate le patate e fatele bollire per 35 minuti. Scolatele, lasciatele raffreddare, tagliatele a cubetti non troppo piccoli e metteteli in una ciotola.
Tagliate anche le rape rosse e lo speck a cubetti e versate tutto insieme alle patate.
In una ciotola mettete il cucchiaio di senape forte, l'olio, l'aceto, il sale e miscelate bene. Versate l'emulsione sulle patate e rape, mischiate bene servite.
E...buon appetito!

mercoledì 9 maggio 2012

Sandwich cioccolato e cocco


Come vi ho già raccontato  nello slideshow a lato, il 12 aprile 2012 ho avuto il piacere e l’onore di cucinare questo dessert con Benedetta Parodi.
Non penso che Benedetta Parodi abbia bisogno di presentazioni, ma per i pochissimi che non la conoscono ricordo che è un’icona del mondo della cucina in Italia. E’ autrice di veri e propri best seller – con circa 2 milioni e mezzo di copie vendute- in cui propone ricette per tutte le occasioni, semplici e veloci da realizzare, ma mai banali, per il palato come per gli occhi.
Il segreto del suo successo è nella semplicità e spontaneità con cui si propone.
Benedetta si divide tra gli impegni di lavoro e la famiglia – marito e 3 figli – dedicandosi con passione alla cucina, che l’ha resa autrice di successo. Come lei, tantissime persone non vogliono rinunciare a mangiare con gusto e fantasia, nonostante i mille impegni quotidiani.
E’ dunque la persona perfetta da avere idealmente accanto per servire dessert gustosi, belli da vedere e deliziosi da assaggiare, a partire da pochi, semplici ingredienti che possono trovarsi in qualunque casa, reinterpretandoli con originalità per creare qualcosa di invitante.
Grazie alla cura e all’esperienza che arrivano direttamente dalla tradizione gelatiera e dolciaria di qualità, Carte d’Or può diventare il perfetto alleato per servire un dessert davvero irresistibile!
Pochi e semplici ingredienti, come biscotti, cioccolato, panna, mandorle, frutta e altro ancora e una confezione di Carte d’or con gesti facili, il tuo dessert è pronto per essere servito e gustato, fino all’ultino, irresistibile cucchiaio.



Ingredienti per 4 sandwich
4 palline di gelato Carte d’Or Stracciatella
50 gr. di cioccolato fondente
8 biscotti
25 gr. di cocco essiccato al naturale



Rompete il cioccolato in una piccola ciotola e scioglietelo a bagnomaria.
Mettete i biscotti  su una teglia da forno e cospargeteli con il cioccolato fuso.
Spolverate con il cocco la parte superiore dei biscotti e lasciateli raffreddare in freezer per 5 minuti, per fare solidificare il cioccolato.
Togliete i biscotti dal freezer e capovolgetene 4.
Dosate una pallina di gelato  Carte d’Or Stracciatella e disponetela sui biscotti capovolti. Spalmate il gelato in modo uniforme per farlo corrispondere alla forma del  biscotto e completate i sandwich chiudendoli con i biscotti rimanenti, con il lato cocco rivolto verso l’alto.
Servite subito e buon appetito!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...