lunedì 18 febbraio 2013

Minestra di carciofi e orzo


Dopo l’abbuffata di dolci carnevaleschi che ne dite di questa minestra gustosa e disintossicante?
Il carciofo è una pianta nota fin dai tempi antichi nei paesi del Mediterraneo, soprattutto in Italia, Francia e Spagna. La Sardegna è la regione che maggiormente si caratterizza per la Il carciofo è una pianta nota fin dai tempi antichi, la sua coltivazione è diffusa maggiormente coltivazione ed il consumo di questo delizioso ortaggio. La raccolta avviene principalmente tra il mese di ottobre e di maggio.
I carciofi sono ricchissimi di principi attivi e vantano molte virtù terapeutiche. Possiedono pochissime calorie e contengono molte fibre, oltre a sali minerali come calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio. Vantano un effetto disintossicante essendo diuretici e stimolanti della funzione epatica e sono utili per combattere problemi di diabete, colesterolo, ipertensione.


 

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone:

200 gr d'orzo perlato
6 carciofi
1,5 lt di brodo vegetale già salato
10 rametti di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1 limone (solo il succo)

Procedimento

Private i carciofi  delle foglie esterne più dure, della parte superiore con le spine e dell’eventuale fieno interno. Tagliateli a spicchi non troppo grossi e immergeteli mano a mano nell’acqua acidulata con il succo del limone.

Lavate l’orzo in acqua fredda, scolatelo bene e fatelo rosolare per qualche minuto in una casseruola con quattro cucchiai d’olio e lo spicchio d’aglio. Unite i carciofi, ben sgocciolati, e continuate a rosolare per altri due minuti.


Togliete lo spicchio d’aglio e versate il brodo caldo.


Portate a cottura per circa venti minuti, ma controllate i tempi sulla confezione dell’orzo perché potrebbero variare. A fine cottura, unite il prezzemolo tritato e servite.
Se volete, potete spolverizzare con piccole scaglie di pecorino.

Buon appetito!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...