lunedì 30 settembre 2013

Riso all'uva fragola

L’uva fragola detta anche “uva americana” è originaria del Nord America  da cui giunse in Europa intorno al 1800. Gli acini sono piccoli, la polpa è dolce  e dal caratteristico e intenso profumo di fragola. Le foglie hanno proprietà antiinfiammatorie  e protettrici  dei capillari. L’aceto di uva fragola diluito in acqua era utilizzato dagli Indiani pellerossa per lavare e disinfettare le ferite e per fare impacchi sulle contusioni.

E’ dissetante e rinfrescante e contiene vitamine del gruppo B, C, P, sali minerali, acidi organici, tannini, flavonoidi e antociani che sono potenti antiossidanti.







Ingredienti per 4 persone

350 gr di riso Arborio
500 gr di uva fragola
1 lt di brodo vegetale
1 porro
1 bicchiere di Bonarda (o qualunque vino rosso fruttato)
40 gr di burro
50 gr di Parmigiano Reggiano
Olio extravergine d’oliva q.b.
Procedimento
 

Lavate bene l’uva, staccate gli acini e passateli al passaverdura.




Pulite il porro, tagliatelo a fettine sottili, mettetelo con 2 cucchiai di olio in una pentola e fatelo stufare dolcemente, unite il riso e fatelo tostare  mescolando continuamente.


Sfumate con il vino e lasciatelo evaporare, unite un po’ di brodo vegetale caldo e fate cuocere, aggiungendo, quando necessita, altro brodo. A dieci minuti dalla fine della cottura unite la passata d’uva. Spegnete il fuoco e mantecate il riso con il burro e il parmigiano. Servite subito e buon appetito!







mercoledì 25 settembre 2013

Involtini di pollo



Ingredienti per 4 persone

 8 fettine  di petto di pollo
180 gr di polpa di manzo tritata
3 cucchiai di grana grattugiato
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 uovo
30 gr di burro
Farina q.b.
½ bicchiere di vino bianco secco
8 foglie di salvia.
Sale e pepe q.b.

Preparazione:

Battete le fette di pollo in modo da renderle larghe e sottili. In una terrina mescolate la carne di manzo con il grana, l'uovo e il prezzemolo; salate e pepate.
Stendete le fette di carne su un tagliere, salatele e distribuitevi sopra il composto di carne tritata. Arrotolate ogni fetta su se stessa, passatele tutte nella farina e chiudetele con uno stecchino sul quale avrete infilato una foglia di salvia lavata e asciugata. Fate rosolare gli involtini in una larga padella con il burro. Appena saranno dorati, bagnateli con il vino bianco: fatelo evaporare, poi aggiungete un mestolo di acqua calda, coprite e continuate la cottura a fuoco moderato, per 7-8 minuti, rivoltandoli di tanto in tanto.
Disponete gli involtini su un piatto da portata e serviteli ben caldi irrorati col loro sugo.
E buon appetito!

Idee e varianti:

Per rendere gli involtini di pollo ancora più gustosi nel composto di carne trita si possono aggiungere 20 grammi di funghi porcini secchi fatti ammorbidire in acqua tiepida; quando saranno ammorbiditi, lavateli bene, strizzateli e tritateli finemente, sentirete che esplosione di gusto!

lunedì 23 settembre 2013

Tortino di robiola, bresaola e fichi

La particolarità di questo piatto consiste nel fatto che la sapidità delle tortine trova il giusto accostamento con il dolce dei fichi mielati, con l’acidità dei pomodorini e con il gusto leggermente amarognolo del sedano creando così un’armonia di gusto che appaga il palato.
È coreografico e d'effetto, ma semplice da realizzare. Ideale per una romantica cenetta a lume di candela   al primo appuntamento. 

  

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI


Ingredienti per 4 persone:

200 gr di robiola cremosa
80 gr di bresaola
50 gr di burro
100 gr di grissini al sesamo
2 cucchiai di Marsala
4 fichi grandi
4 pomodorini tipo pachino
4 coste di sedano bianco tenere e con le foglie
4 foglie di lattuga
4 spianatine croccanti al sesamo
2 cucchiai di miele d’acacia
Olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento

Tagliate un pezzo di carta da forno e mettetelo su di un piatto piano, spalmatelo con un po’ di burro.  Prendete 4 coppapasta da 7 cm di diametro ciascuno, spennellateli con un po’ di burro fuso e rivestiteli con la carta da forno. Metteteli sul piatto precedentemente preparato.
Tritate finemente i grissini nel tritatutto, metteteli in una ciotola e aggiungete il burro fuso.
Mischiate molto bene e dividete il composto nei coppapasta premendo con un cucchiaino in modo da compattare bene, mettete il frigo.
Tritate finemente la bresaola, mettete la robiola in una ciotola e lavoratelo fino a ottenere una crema liscia, unite il trito di bresaola, un cucchiaio d’olio, il Marsala e amalgamate bene.
Versate il composto nei coppapasta sopra la base di grissini, livellate bene e mettete in frigo per due ore.




Nel frattempo pulite e lavate la lattuga, i pomodorini, il sedano.
Lavate e asciugate i fichi e incideteli con un taglio a croce fino a metà dell’altezza.
Poco prima di servire mettete in singoli piatti le foglie di lattuga, sformate le tortine e deponetele sopra.
Appoggiate un fico su ogni piatto accanto alla tortina con i tagli un po’ allargati e fatevi colare sopra un po’ di miele. Contornate con il pomodorino tagliato a metà, la costa di sedano e la spianatina. Irrorate la tortina con un po’ d’olio e servite.
Buon appetito!


Consiglio: se non trovate le spianatine al sesamo, potete utilizzare dei cracker o del pane grigliato. Se non possedete dei coppa pasta, potete utilizzare dei bicchieri il cui fondo immergerete in acqua calda per pochi secondi per sformare con facilità.
Se non amate il Marsala, usate dell’altro vino bianco dolce.




 

martedì 17 settembre 2013

Tortino al cioccolato

La ricetta di cucina del tortino al cioccolato è semplice e gustosa ma soprattutto vi permette sempre di fare un figurone!


Ingredienti per 4 persone


100 gr  di cioccolato fondente pestato
100 gr di burro
80 gr di zucchero a velo
20 gr di farina
2 uova
1 bustina di vanillina
2 uova
Sale q.b.



Preparazione
Tagliate il cioccolato fondente a pezzettoni e fatelo sciogliere in un padellino a bagnomaria con il burro. In una terrina rompete le uova, aggiungetevi lo zucchero e la vanillina e montate il tutto con una frusta, fino a ottenere una massa densa e omogenea. A questo punto potrete unire il composto di cioccolato e burro, continuando ad amalgamare gli ingredienti. Aggiungete, infine, anche la farina e un pizzico di sale. Imburrate e infarinate i vostri stampini e riempiteli con il composto facendo attenzione a non riempire completamente gli stampini, evitando così che il composto fuoriesca durante la cottura. Cercate di riempirli per non più di 2/3. Infornate a 180°C per circa 15 minuti.
L'ideale è servire questo piatto caldo.


Idee e varianti:
Se volete presentare il vostro tortino al cioccolato in modo un po' più coreografico, una volta sformati tutti i tortini, decorateli con una spolverizzata di zucchero a velo.


Tempo: 15 min per la preparazione + 15 min scarsi di cottura

lunedì 9 settembre 2013

Pagnotta ai cereali



Per la preparazione di questa pagnotta, oltre che  la splendida farina Antiqua ho utilizzato il lievito Madre (il re dei lieviti) rigenerato che mi ha gentilmente regalato il maestro Giovanni Gandino. Prossimamente inserirò una pagina nel blog che spiegherà dettagliatamente come realizzarlo  e come mantenerlo seguendo gli insegnamenti ricevuti da Gandino. Per ora sappiate che il lievito Madre è un impasto realizzato con una laboriosa procedura in cui si utilizza un frutto, farina ed acqua e tanta pazienza (occorrono 43 giorni per ottenerlo), dopo di che, rigenerato, può durare fino a 200 anni (avete letto bene: duecento anni) Il lievito Madre utilizzato per questo pane ha 14 anni. Il risultato è un pane morbidissimo, profumato  e digeribilissimo che non vi gonfierà assolutamente!




Ingredienti:
500 gr di farina ai cereali macinata a pietra Antiqua
200 gr di lievito madre rigenerato
1 cucchiaino di miele o di malto d’orzo
300 ml di acqua
15 gr di sale
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Procedimento
 
In una ciotola capiente versate la farina, arieggiatela bene mischiandola ponete al centro il lievito madre  e il cucchiaio di malto. Versate lentamene l'acqua a temperatura ambiente e amalgamate bene. Quando  l'impasto diventa abbastanza solido,, versatelo sulla spianatoia, e impastate, delicatamente, fino a quando diventerà omogeneo. Occoreranno circa 10/15 minuti,  allargate l’impasto e versate l’olio, distribuite  il sale. Riprendete  ad impastare fino a ottenere un composto omogeneo, elastico e asciutto (circa 5 minuti).
Mettete un po’ di olio in una ciotola, infarinatela e deponeteci l’impasto. Mettetelo a lievitare in un luogo caldo e lontano da colpi d’aria o repentini abbassamenti di temperatura (l’ideale è all’interno del forno spento). Dopo un’ora (o quando  è aumentato del 50%) riprendete l’impasto, dategli la forma desiderata e fatelo lievitare ancora per 4 ore.
Questi tempi valgono per una temperatura dell’ambiente di 24/25 gradi, altrimenti i tempi si allungano.
Togliete l’impasto dal forno, accendetelo a 200 gr e mettete sul fondo un pentolino pieno d’acqua. Quando ha raggiunto la temperatura infornate il pane e fate cuocere per 35 minuti.
Sfornate e fate raffreddare il pane su di una gratella.

Consigli: Se non avete il lievito madre utilizzate mezzo panetto di lievito di birra (circa 12 gr e mezzo) e anziché versare la farina nell’acqua con il lievito fate l’esatto contrario, cioè versate il lievito al centro della farina a fontana. I tempi della lievitazione si accorgeranno moltissimo e basteranno solo 3 ore (sempre a 24/25° di temperatura). Per il resto la preparazione è uguale. Importantissimo è aggiungere il sale alla fine poiché se dovesse venire a contatto con il lievito prima  impedirebbe la lievitazione.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...