domenica 11 giugno 2017

Punte di asparagi in pastella

L’asparago è una pianta selvatica originaria del bacino mediterraneo e, in particolare, delle regioni centrali e settentrionali dell’Europa, dell’Asia centrale e occidentale, dell’Egitto, dell’Algeria e della penisola Iberica. Ne esistono di vari colori, bianchi, viola, verdi.
La produzione nazionale di asparagi è prevalentemente concentrata in Emilia Romagna, Piemonte e Veneto.  Gli ortofrutticoltori italiani ne suggeriscono l’acquisto e il consumo a partire dal mese di aprile. Dal punto di vista nutrizionale, nell’asparago sono contenuti  sali minerali tra i quali calcio, fosforo e potassio, vitamine (C e B), acido folico e carotenoidi che sono i precursori della vitamina A e possiedono un’azione antiossidante e protettiva della pelle e delle mucose. Ottimo contorno, l’asparago è una verdura assai apprezzata dai buongustai. Esistono circa venti tipi di asparago, i più comuni sono quello verde e quello bianco. Hanno proprietà depurative e diuretiche. Il loro consumo è controindicato solo per chi ha problemi di cistiti e di calcoli renali perchè contengono acido urico che può peggiorare la situazione.



LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI

Ingredienti per 4 persone

Un mazzo di asparagi
100 gr di farina 00
30 gr di farina di riso
200 ml di acqua gasata molto fredda o della birra sempre molto fredda
1 uovo
Sale q.b.
Olio extravergine d’oliva per friggere q.b.

Procedimento

Lavate gli asparagi, tagliate la parte di gambo più dura e sbucciate un po’ del gambo rimanente con il pelapatate (servirà a non trovare fibre troppo dure durante il consumo). Ricomponete il mazzo, legatelo con lo spago da cucina e fateli cuocere a vapore per 7/8 minuti; se non avete la vaporiera, fateli cuocere in una pentola con i gambi immersi nell’acqua salata e le punte fuori.  Quando saranno cotti, togliete lo spago e lasciateli raffreddare.
Appoggiateli su di un canovaccio o su della carta da cucina per farli asciugare perfettamente.
Tagliate le punte e utilizzate le parti rimanenti per fare una crema di asparagi o una frittata o altre preparazioni.
Preparate la pastella: sbattete l’uovo con l’acqua e un pizzico di sale, poi aggiungete lentamente le due farine miscelate e lavorate per inglobare bene tutto.
La pastella non dovrà risultare troppo liquida, ma sufficientemente viscose da attaccarsi ai fiori.


Fate scaldare abbondane olio in una larga padella, per capire quando è giunto a temperatura, versate un pochino di pastella, se frigge subito la temperatura è quella giusta (150°C) per avere un fritto croccante e asciutto.
Mettete le punte di asparagi nella pastella e tuffatele, poche per volta, nell’olio bollente, fatele dorare da ambo i lati (1 o 2 minuti per lato), scolatele, mettetele su della carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso, salate e servite.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...